Il “volo” in Hayao Miyazaki

«Si alza il vento, bisogna tentare di vivere.»

«Si alza il vento, bisogna tentare di vivere.»

Il volo, in particolare quello umano, è un tema ricorrente nei film di Miyazaki. Suo padre era coproprietario di una fabbrica di parti per aerei, e il suo amore per le macchine volanti gli deriva probabilmente dall’esserne a contatto fin dalla più tenera età. La sua idea di volo, ha dichiarato, è legata a una forma di liberazione dalla gravità.
Oltre ai molti dispositivi aerei e ai disegni di Laputa – Castello nel cielo, che è una città volante, questo tema si ritrova in Nausicaä della Valle del vento, dove la protagonista pilota un dispositivo chiamato “Mehve”, in Kiki consegne a domicilio, dove Kiki è una giovane strega che vola a cavallo del suo manico di scopa, in Il mio vicino Totoro, dove Totoro trasporta Satsuki e Mei nel cielo notturno, ne La città incantata, dove Chihiro viene trasportata sulla schiena di Haku mentre questi è in volo trasformato nella sua forma di drago, ne Il castello errante di Howl, dove Howl e Sophie camminano in cielo passando sopra alla loro città.

Tra le sue opere che mettono in primo piano il tema del volo sono da citare Porco Rosso, in cui il protagonista è un aviatore e l’intera trama si basa sul volo, sui velivoli e sui combattimenti aerei e il cortometraggio dello Studio Ghibli Kusoh no Kikai-tachi no Naka no Hakai no Hatsumei, che è completamente dedicato alle meraviglie del volo ed è doppiato dallo stesso Miyazaki.

Anche Si alza il vento, uscito nel 2013, parla di uomini legati al volo: biografia romanzata di Jirō Horikoshi, ingegnere aeronautico degli anni ’30 e ’40, il film ne narra la vita e gli aerei, rendendo omaggio in molte sequenze oniriche anche al pioniere dell’aviazione italiana e anch’esso ingegnere aeronautico Giovanni Battista Caproni.

Collabora con noi!

collaboratori_02
Questo strumento è a disposizione di tutti coloro che desiderano condividere la propria passione per il Giappone, tramite la pubblicazione di contenuti, articoli e saggi sul mondo nipponico.

Se ti interessa collaborare, invia la tua candidatura (nome, cognome ed email) a collaboratori@ilmiogiappone.it insieme a un esempio di contenuto che vorresti condividere con i lettori.

×
Dall'Italia un tributo ad Akira e Ghost in The Shell!

kenzoUna light-novel tutta a colori, un romanzo con numerose illustrazioni, composta da due racconti di fantascienza: un libro che vuole essere insieme un tributo agli autori di fantascienza e all’animazione nipponica.
 
Si chiama L’era dei Robot, ed è un progetto tutto made in italy e in crowdfunding di Marco Paracchini e Pierfrancesco Stenti.

×
Clicca "mi piace" per rimanere aggiornato!

Non perdere neanche una notizia, un anime e un evento dal Giappone.

×