Ano Hana: perché guardare questo anime

ano_hana_03Da modesti appassionati di anime, adoriamo andare in cerca sul web di nuove light novel da guardare e a cui appassionarci.
 
Ed è esattamente così che abbiamo conosciuto Ano Hana ( Ano hi mita hana no namae o bokutachi wa mada shiranai ). Pieni di aspettative, ci siamo goduti ogni puntata, ignari della trama e degli sviluppi della storia, incontrando gradualmente ogni personaggio e  provando nello stesso momento le loro stesse emozioni, immedesimandoci in ogni situazione.

ano_hana_09Ogni protagonista ha la propria storia e ognuno di loro ha affrontato in modo diverso ciò che è successo. La trama non è poi così intricata: l’anime ha inizio con una scena in cui uno dei protagonisti (Jinta) gioca ai videogiochi e, ad un certo punto, viene interrotto da una ragazzina con un abitino bianco (Meiko/Menma). Inizialmente sembra tutto normale, una ragazza e un ragazzo che giocano e si prendono in giro…

ano_hana_11Poi però Jinta si alza e va in cucina a fare da mangiare; Menma lo tormenta perchè ha fame e nel frattempo compare il padre di Jinta. Il signor Yadomi chiede anch’esso da mangiare, Menma lo saluta e lui non risponde. Jinta si gira verso il vetro della credenza dove dovrebbe esserci il riflesso della ragazza, ma invece lì c’è il vuoto. Menma è un fantasma e dice di essere tornata perchè tutti i suoi vecchi amici devono esaudire un desiderio.

ano_hana_07Jintan (Menma lo chiama cosi) non si scompone più di tanto, pensa che sia lo stress e lo shock che ancora lo accompagnano dopo tutti gli anni che sono passati dalla morte dell’amica, a causargli queste allucinazioni. Menma è infatti morta da parecchi anni, in circostanze che all’inizio non vengono mostrate, mentre giocava con i suoi amici e con Jintan.

ano_hana_04Come abbiamo detto, ogni protagonista sta affrontando in maniera diversa il dramma e, all’inizio, i vecchi amici sembrano essersi separati da tempo.
all’apparenza
Jintan sta per lo più in casa, è iscritto ad un liceo di basso livello che neanche frequenta, sembra sciatto e trasandato e suo padre, che ha subito a sua volta la perdita di sua moglie e madre di Jintan, sembra non curarsi della situazione emotiva di suo figlio.

ano_hana_08
Naruko Anjo (Anaru), che compare già dalla prima puntata, è invece una ragazza all’apparenza superficiale, si circonda di amiche anch’esse un po’ oche e tratta male chiunque le capiti a tiro, compresa sua madre, ma in realtà sembra soffrire più degli altri la perdita di Menma.

ano_hana_06Atsumu Matsuyuki (Yukiatsu) compare anch’esso nella prima puntata, ed è, di tutto il gruppo, quello che ha riportato più conseguenze dalla morte di Menma, essendone stato innamorato. Non sopporta che la si nomini, odia il fatto che solo Jintan riesce a vederla e in più, di notte, si traveste da fantasma della ragazza e va in giro nel bosco. Ogni sua reazione arrogante è dettata da un complesso di inferiorità che ha sviluppato quando era piccolo.

ano_hana_10Chiriko Tsurumi (Tsuruko) va a scuola con Yukiatsu, nello stesso rinomato liceo. I due sono gli unici ad essere rimasti in contatto e li si vede spesso insieme. Tsuruko è una ragazza calma e seria e all’ apparenza sembra l’ unica a non essere stata colpita particolarmente dalla tragedia. Flashback del passato, invece, mostrano quanto la ragazza fosse stata affezionata e ammirasse Menma.

ano_hana_05Tetsudo Hisakawa (Poppo) non è invece molto cambiato da quando era bambino: non va più a scuola e gira per il mondo mantenendosi con qualche lavoretto part-time; rincontra per caso Jintan di cui, ha sempre provato grande ammirazione. Poppo è il primo a credere al fatto che Jintan possa vedere Menma e fa di tutto per convincere gli amici. In realtà questo spensierato ragazzo (all’apparenza) è quello che ha sofferto di più: egli infatti è l’unico ad aver assistito al momento della morte di Menma e se ne sente responsabile.

ano_hana_15
Ogni personaggio di questo anime ti crea un brivido diverso, il modo in cui è strutturata la vicenda, con continue scene del passato che man mano ti mostrano un panorama sempre più ampio della storia, ti permette di immedesimarti nelle sensazioni dei personaggi.

ano_hana_14Noi abbiamo vissuto con Jintan in prima persona il tormento per la paura di essere impazzito per il dolore della perdita dalla sua amica, la ribellione con Anaru, la vera pazzia con Yukiatsu e la profonda tristezza con Poppo. Abbiamo vissuto la gioia e la commozione dopo che i nostri amici hanno finalmente esaudito il desiderio di Menma e, in fine abbiamo pianto, dopo che finalmente tutti gli amici della ragazza hanno potuto vederla per l’ultima volta prima che, salutandoli, se ne andasse per sempre.

ano_hana_13Ecco perchè guardarlo.
Mai nessun anime prima d’ ora era riuscito a suscitare in noi un tale vasto bagaglio di emozioni, gioia, dolore, divertimento, commozione, tutte insieme. Siamo sicuri che esistono altri mille anime belli ed emozionanti come questo, ma siamo altrettanto sicuri che non susciterebbero in noi uguali sensazioni.

Fernanda M. D’Apuzzo e Francesco Acampora,
Il Mondo di Taiga

Collabora con noi!

collaboratori_02
Questo strumento è a disposizione di tutti coloro che desiderano condividere la propria passione per il Giappone, tramite la pubblicazione di contenuti, articoli e saggi sul mondo nipponico.

Se ti interessa collaborare, invia la tua candidatura (nome, cognome ed email) a collaboratori@ilmiogiappone.it insieme a un esempio di contenuto che vorresti condividere con i lettori.

×
Clicca "mi piace" per rimanere aggiornato!

Non perdere neanche una notizia, un anime e un evento dal Giappone.

×