Alla scoperta del Sanremo giapponese

kohaku_uta_gassen_03Si tratta della manifestazione televisiva canora più famosa, antica e vista della tv nipponica: Kōhaku Uta Gassen (lett. “la gara canora dei bianchi e dei rossi”). Viene trasmessa, rigorosamente, prima del Capodanno. I rossi sono cantanti femminili mentre i bianchi sono cantanti maschili, e la trasmissione in sé dura ben quattro ore, durante le quali va in onda tutta la musica che ha avuto successo, senza “siparietti”. Di solito si aggira sulle cinquanta canzoni complessive.

kohaku_uta_gassen_02Le esibizioni sono identiche a videoclip, con effetti speciali a cura dei cantanti e delle case discografiche. Sono però tutte cantate su base, quindi con infiniti microfoni, e con band anche di moltissimi elementi, come le AKB48. La curiosità è che nel corso di tutta la diretta non vi è mai un problema tecnico, un secondo di buco, una battuta al posto sbagliato. Tutto tecnicamente ineccepibile. Quest’anno, tra l’altro, era alla sua sessantacinquesima edizione

Collabora con noi!

collaboratori_02
Questo strumento è a disposizione di tutti coloro che desiderano condividere la propria passione per il Giappone, tramite la pubblicazione di contenuti, articoli e saggi sul mondo nipponico.

Se ti interessa collaborare, invia la tua candidatura (nome, cognome ed email) a collaboratori@ilmiogiappone.it insieme a un esempio di contenuto che vorresti condividere con i lettori.

×
Clicca "mi piace" per rimanere aggiornato!

Non perdere neanche una notizia, un anime e un evento dal Giappone.

×